The Italian Panacea in Two Films by Lucia Mauro

Updated: Mar 25, 2019

by Anna Clara Ionta, Professor of Italian – Dept. of Modern Languages & Literatures, Loyola University Chicago



Presented at Symposium on Italian Cinema

Indiana University Bloomington 21 April 2017



Biographical notes on Lucia Mauro

Lucia Mauro is a woman of many talents. Born and raised in Chicago, she graduated from Loyola University Chicago. She taught The History of Dance: From the Renaissance to Present at Loyola University (2008-2012) and at the John Felice Rome Center, has published numerous articles as an art critic, dance critic and theater critic for many publications, including the Chicago Tribune, Chicago Sun-Times, Chicago Magazine, Chicago Public Radio. She has documented her Italy travel experience in Fra Noi, the magazine of the Italian-American community. Lucia has published three books for McGraw-Hill (Career Portraits: Fashion; Careers for Fashionplates & Other Trendsetters (third edition); and Careers for the Stagestruck & Other Dramatic Types (second edition). Between 2004 and 2006, she also published two books of photographs dedicated to Italy, from its light to to its "geometric structure”. She has been featured on radio, TV programs and live speaking engagements as a dance, theater and Italy expert, and has received honors on many occasions for her work so varied and dedicated to art in general.



In My Brother's Shoes is the first film written, directed and co-produced by Lucia Mauro. The film was released in 2014. Lucia and her husband-producer Joe Orlandino have created a non-profit organization of the same name.

Main actor: Danny McCarthy

Music by Enzo De Rosa

Duration of the film: 25 minutes


The film won Best Short Film at the 2015 Mirabile Dictu International Catholic Film Festival at the Vatican and was featured in the Short Film Corner at the International Cannes Film Festival.


The story told in the film stems from a chance encounter that Lucia had with a young American man at St. Peter’s Square in Rome. While waiting for a colleague, Lucia saw the man leaning against a railing. They began a conversation, and she noticed that he was wearing a pair of very worn and visibly uncomfortable shoes. She asked him the reason for his visit to Rome and he explained, pointing to those shoes, that he came to Rome to fulfill the dream of his brother, a U.S. Marine who was killed by a roadside bomb in Iraq. His brother wanted to visit Italy and those were his favorite shoes. So this man came to Italy to fulfill his brother's dream by wearing his shoes.


Lucia says on the page of the site dedicated to the film: "My ongoing goal is to hold screenings across the U.S., with proceeds being donated to American veterans' organizations, specifically those addressing Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD). The film has screened at events related to fundraising for veterans associations.



One Year Later was released in 2016.

Main actors: Julie Hart, Massimo De Santis

Music by Enzo De Rosa

Duration of the film: 57 minutes


This film has also been and is being screened at institutions and events related to cancer research and support, and the proceeds are donated to the same non-profit association (In My Brother's shoes, Inc.). One Year Later screened at Montreal’s 2016 Views of the World Film & Music Festival, where it was nominated for Best Original Score.

It tells the story of Liz who, after completing cancer treatment, decides to travel to Italy, to the Alps. “I’ll go. I want to go. I’m going,” she says without hesitation despite the fears of her husband who sees her still too fragile to face the journey.


In both films, the substantial and essential accent of the narrative arises from the emotional reactions resulting from a dramatic event: the loss of a brother, the disease. And in both narratives, the cathartic process of overcoming – probably not definitive, but at least temporary – such pain unravels and takes place in Italy. In both cases, the dream – or rather the desire – is to reach Italy.


Many others are the points of contact between the two films: both protagonists are alone, alone in their pain as alone in facing it and still alone during their journey in Italy, yet never physically alone since they are always immersed in an objective space of sounds, people, interactions and realities, urban, monumental and natural – all elements being co-protagonists of the stories. The individual perspective that could be said to be limited to one's ego and enclosed within oneself because of the pain experienced is frequently compared to the grandeur of the spatial perspective of monuments or the mountain panorama. Their individuality always joins a physical perspective as well as a community – made up of groups of people or individuals with whom both characters come into contact, constantly reflecting the indissoluble individual-environment and individual-society relationship, despite what one might expect, that is, a certain tendency to isolation when facing such strong emotional challenges. Italy is a place where this vital intertwining of individual-society-environment remains or still has the possibility of remaining a constant.


This tendency to insert the protagonists of both films in a "social" context with a neo-realist touch shows itself in certain shots in which they are positioned in a corner – not in the center of the image – or proportionally smaller in front of the surrounding space (Danny and the panorama of Rome; Liz and the majesty of the mountains).

In addition to the real single protagonists of the films, Danny and Liz, a series of co-protagonists act as "choristers" as in a Greek tragedy: they flank them, touch them, sometimes interact – even if only with a glance or exchange of a few words or a gesture. They accompany them without ever leaving them alone along their search for themselves, for a reason to keep looking ahead.


Examples: At Termini Station in the shouting crowd, an Italian gives directions to Danny on how to get to Piazza di Spagna; at the market, still a crowded place full of life and activity, the merchant exchanges a few kind words with Danny; an elderly woman, very elegant, exchanges with him only a glance and few words and holds his hand, which is worth a whole dialogue; on the train to Anzio, the lady sitting in front of him in the compartment offers a local snack called suppli’ al telefono and explains to him nicely the origins of its name; in Piazza S. Maria in Trastevere, Danny plays soccer with a child while eating an ice cream. Liz also interacts with Italians: with Antonio mainly, the landlord of the mini-apartment she rents in the Alps; a testy tour guide at the monastery; a wise elderly man on a bicycle who allows her to reflect on many significant things in life. They are all tight dialogues, or rather simple and concise exchanges of words in which the essence of the director's message is concentrated.


In My Brother's Shoes has a second protagonist that I would call the background: the silence of the protagonist that more than the "actor" is the one who acts. I would define it as the "listener and observer". As I said, the film's dialogue is slight and sparse. Instead, the protagonist's eyes on Rome are rather present -- a monumental Rome and a typical Rome.


Examples: A coffee taken at a bar table along Via del Corso; the Pantheon; Palazzo Farnese, Trinità dei Monti; Piazzale S. Giovanni, the Roman aqueduct; Trevi Fountain, S. Maria in Trastevere and, of course, the inevitable view of Rome seen from the Janiculum Hill. Certainly a "postcard" Rome, as in fact in a couple of scenes when we see Danny flanked by postcards illustrating the beauty of the city. But Lucia does not intend to make it a tourist stereotype: those are the postcards that Danny’s brother’s friends sent him from Rome inviting him to join him. In the end, Danny writes a postcard to his deceased brother and mails it from a postal box in the Vatican – it will go nowhere and everywhere at the same time. Danny does not talk in these scenes. But the noise of the city contrasts with his silence: an ambulance siren, the traffic, the notes of an opera aria. Sometimes Danny smiles, gradually seems to absorb his environs and gives in to the life force of who and what is present around him.


In One Year Later, the perspective on the protagonist clearly changes: her look, or rather her image, is frequently filtered through reflections and light.


Examples: The reflection of the hospital on the car windows when returning home after chemotherapy; the reflection on the double doors of the house and on an internal wall; the image of Liz reflected from the mirror, or rather from the two mirrors in her bathroom,; the reflection of the landscape that zooms past her from the train window that takes her to the mountains (and with a delicate cameo by Lucia Mauro sitting next to her!). But in the scene in which Liz takes a taxi in Milan, the reflections disappear and her true direct image remains. It is in fact the moment in which she finally becomes the protagonist of her own life, making the decision to do what she likes and not what others would like. Those reflections turn into very clear images, full of light. This element confirms the attraction of the director to the light and particularly the light in Italy, As mentioned, Lucia has published books of photographs taken in Italy, and furthermore, I must remember that her name evokes this element: nomen omen!


The difference in interpreting the two protagonists’ perspectives reveals the intimate suffering of each one in a different way: Danny suffered the pain of the death of his brother; Liz lived the illness firsthand. Danny's look is a direct, straight look that faces reality without external interference. Liz "feels" a reflection of what others see in her, as she says in the first scene of the film, but hers is a look that always tends to rise towards the light -- to look upwards.


Examples: Liz is shown in the first scene once she arrives in Italy with a ray of sunlight that is reflected behind her head as she looks up at the Milan Cathedral; Liz lies on a lawn in front of the Castle Fenis and once again she looks at the blue of the sky; on several other occasions, Liz looks at the tops of the mountains in a clear search to rise from the weight that nails her to the ground, nails her to the disease that she has overcome – a metaphor for the need for physical, mental and psychological lightness after the heaviness of such a difficult trial.


Light and sunlight are the co-protagonists of this film, clearly indicated from the first scene: the nurse who accompanies Liz in a wheelchair still weakened by therapy tells her that the sun is out and that "The sun just makes everything look brighter ": a very familiar statement for those coming from Chicago and always hoping for a nice day!

Even the colors are co-pratogonists of this second film by Lucia, much more than in the previous film. The husband breaks the cup in the shape of a variegated Rubik's Cube that he had given her, and everything becomes gray and antiseptic in the "American" scenes, even the sheets of her double bed are gray. Liz wears highly structured dark suits, but in Milan she will buy a brightly colored blouse and then wear flowing orange pants. Until the end of the film, we see her wearing a bright pink hoodie. The recovery of color and a final irrepressible restorative laugh will guarantee a much-coveted palingenesis.


The postcards of In My Brother's Shoes have a correspondent in the Valle d'Aosta poster that attracts Liz's attention and inspired her to get away from a reality so difficult to overcome. Liz is looking for something (a new self) and unconsciously wants to "find herself" and "renew herself". The poster dedicated to the Valle d'Aosta bears the inscription “Find yourself again in the Alps": the ellipsis of the pronoun – you'll find yourself, or the object, what will you find again? – reveals a gap, a void and the emptiness that the protagonist intends to bridge and fortunately still has the willpower needed to recover and react.


In Aosta Liz arrives "in pieces", like the broken cup at home, as well as at the sad ruins of a medieval defense wall, which she stops to observe as if she were actually observing herself. Here she meets an elderly man on a bicycle. She says, “I guess we can’t live in the past.” Moments later, she lies down on a very green lawn under a bright sun and in front of the mighty bastion of a medieval castle in perfect condition. Here is the moment of regeneration, of the strength of that bastion that penetrates the soul of our protagonist.


Both films follow a final parallel: both end with a dedication.

Danny enters the church of San Bartolomeo and leaves his brother's dog tags at the dedicated altar: "The new martyrs in Europe".

Liz receives as a gift from Antonio a poem by Bertolt Brecht dedicated to: "Who hesitates".


With this final detail in common, we then move from the individual to the universal, from the singular to the plural, from the private to the sharing of our own experience.

And we come to the teaching of Lucia’s films.


There are many usable ideas and I will mention some of the most significant:

1. The length of both films (one of 25 minutes; the other of 57) allows both segmentation into two or three parts and an integrated vision within a single lesson.

2. The spatial dimension provides incentives for the description and use of adjectives (beginner levels).

3. The clothing of both Danny and Liz and of all the Italians visible in the scenes.

4. The monumental places of Rome and the mountains of the Alpine crown (for example, connected to lessons in culture, history, environment, holidays).

5. The sounds of the streets, the shouting of people at the market or at the station, the music.

6. Food: the croissant that Antonio offers to Liz or the ice cream that Danny eats in Trastevere; the Milanese risotto to which the friends who live in Milan and the Italian "street food" refer.

7. Italian peculiarities: the train strike that blocks Liz, or there is no bus on Sunday!

8. The meaning of the spaces to be connected to the feelings felt by the protagonists (advanced levels of conversation).

These are widely accessible ideas for a plurality of sensory stimuli in language learning:

hearing, sight, taste.


And one last question to ask: "Why precisely Italy"? "Heaven on Earth," says Liz. “I’m here in memory of my brother," reveals Danny. Why precisely Italy and its image, its beauty, its colors, its light, its people are the theatrical scenes in front of which our dilemmas are solved? An inspiring starting point for a nice conversation about the collective imagination that concerns our country, its attractions, its spell. ###


Simposio sul cinema italiano

Indiana University Bloomington

21 aprile 2017


La panacea Italia in due film di Lucia Mauro

di Anna Clara Ionta, professoressa della lingua italiana, Loyola University Chicago


Note biografiche su Lucia Mauro

Lucia Mauro è donna di molti talenti. Nata e cresciuta a Chicago, si è laureata presso la Loyola University. Ha insegnato Storia della danza alla Loyola U. (2008-2012), ha pubblicato numerosi articoli come critico d'arte, di danza e di teatro su riviste specialistiche; ha scritto articoli di viaggio dedicati all'Italia sul Fra Noi, rivista della comunità americana-italiana di Chicago; ha pubblicato tre libri per la McGraw-Hill (Career Portraits: Fashion; Careers for Fashionplates & Other Trendsetters (third edition); and Careers for the Stagestruck & Other Dramatic Types (second edition). Tra il 2004-2006 ha inoltre pubblicato due libri di fotografie dedicate all'Italia, alla sua luce, alla sua "geometrica struttura"; ha condotto programmi radio come esperta di danza e teatro. Ha ricevuto onorificenze in molte occasioni per il suo lavoro così variegato e dedicato all'arte in genere.


In my Brother’s shoes è il primo film scritto, diretto e co-prodotto da Lucia Mauro. Il film e’ uscito nel 2014. Lucia e suo marito-produttore Joe Orlandino ne hanno anche creato una omonima associazione senza scopi di lucro.

Attori protagonisti: Danny McCarthy, Massimo De Santis, musiche di Enzo De Rosa

Durata del film: 25 minuti


Il film ha vinto il premio come miglior cortometraggio al Mirabile Dictu International Catholic Film Festival del Vaticano nel 2015 ed è stato proiettato anche al Festival di Cannes dello stesso anno nella sezione dei cortometraggi.


La storia narrata nel film nasce da un incontro fortuito che Lucia ha avuto con un ragazzo americano a Roma, in Piazza San Pietro. Mentre aspetta un collega, Lucia nota un ragazzo sulla trentina appoggiato a una balaustra, cominciano a scambiare due parole e lei nota che lui indossa un paio di scarpe molto logore e visibilmente scomode. Lei gli chiede il motivo della sua visita a Roma e lui spiega, indicando proprio quelle scarpe, che è venuto a Roma per realizzare il sogno di suo fratello, un marine caduto in Iraq a causa di una bomba a margine della strada. Il fratello avrebbe voluto visitare l’Italia e quelle erano le sue scarpe preferite. Sicché lui era venuto in Italia per realizzare il sogno del fratello, indossando le sue scarpe.


Lucia afferma sulla pagina del sito dedicato al film:” My ongoing goal is to hold screenings across the U.S., with proceeds being donated to American veterans' organizations, specifically those addressing Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD). Ed infatti il film viene proiettato in occasione di eventi relativi a raccolta di fondi da devolvere ad associazioni di veterani.

One Year Later è uscito nel 2016. Durata del film: 57 minuti

Attori protagonisti: Julie Hart, Massimo De Santis, musiche di Enzo De Rosa

Anche questo film è stato e viene proiettato presso Istituzioni ed eventi relativi alla ricerca sul cancro e I proventi vengono devoluti alla stessa associazione non-profit (In My Brother’s shoes, Inc.)


E’ la storia di Liz che dopo aver superato le dure prove di un cancro, decide di andare in Italia, sulle Alpi “I want to go. I am going” afferma senza esitazione nonostante i timori del marito che la vede ancora troppo fragile per affrontare il viaggio.

In entrambi i film, l’accento sostanziale ed essenziale della narrazione si pone sulle reazioni emotive conseguenti a un evento drammatico: la perdita di un fratello, la malattia. Ed in entrambe le narrazioni, il processo catartico, di superamento - probabilmente non definitivo, ma almeno temporaneo - di un tale dolore si dipana e si realizza in Italia. In entrambi i casi, il sogno - o meglio dire il desiderio - è di raggiungere l'Italia.


Molti altri sono i punti di contatto tra i due film: entrambi i protagonosti sono soli, soli nel proprio dolore come soli nell'affrontarlo e ancora soli durante il viaggio in Italia, eppure mai soli fisicamente poiché sempre immersi in uno spazio oggettivo di suoni, gente, interazioni e realtà sia urbanistiche che monumentali che naturali, tutti elementi co-protagonisti delle storie. La prospettiva individuale che potrebbe dirsi limitata al proprio ego e rinchiusa dentro se stessi a causa del dolore provato, si confronta frequentemente con la grandiosità della prospettiva spaziale dei monumenti o del panorama montano. La propria individualità si affianca sempre a una prospettiva fisica così come a una collettività - fatta di gruppi di persone o di individui con cui entrambi i personaggi vengono a contatto, rispecchia costantemente il rapporto indissolvibile individuo-ambiente e individuo-società, a dispetto di quanto ci si potrebbe aspettare, cioè una certa tendenza all'isolamento quando si è di fronte a "challenges" emotive così forti.


Lucia pensa all'Italia come luogo dove questo intreccio vitale individuo-società-ambiente rimane o ha ancora la possibilità di rimanere una costante. E questo suo tendere a inserire i protgonisti dei suoi due film in un contesto "sociale" dal tocco neo-realista si mostra in certe inquadrature in cui costoro sono posizionati in un angolo - non al centro dell'immagine - o proporzionalmente minori di fronte allo spazio circostante (Danny e il panorama di Roma; Liz e la maestosità delle montagne)


Come ho accennato brevemente, oltre ai reali singoli protagonisti dei cortometraggi, Danny e Liz, una serie di co-protagonisti fungono da "coristi" come in una tragedia greca: li affiancano, li sfiorano, talvolta interagiscono - anche solo con uno sguardo o lo scambio di poche parole o un gesto- li accompagnano senza dunque mai lasciarli soli lungo la loro ricerca di se stessi, di una ragione per continuare a guardare avanti.

Esempi: alla stazione Termini tra la folla vociante, un italiano da' indicazioni a Danny su come arrivare a Piazza di Spagna; al mercato, ancora un luogo affollato e pieno di vita e di attività, il commerciante scambia poche parole gentili con Danny; una anziana signora molto elegante scambia con lui solo uno sguardo e pochissime parole e gli fa una carezza sulla mano, che vale un intero dialogo; sul treno per Anzio, la signora seduta di fronte a lui nello scompartimento gli offre un supplì "al telefono" e gli spiega simpaticamente perché si chiama così; in Piazza S.Maria in Trastevere, Danny gioca a pallone con un bambino mentre mangia un gelato. Anche Liz interagisce con Italiani: con Antonio principalmente, l'affittuario del mini-appartamento che lei prende sulle Alpi; una guida al monastero che lei non vuole ascoltare; un saggio anziano in bicletta che la farà riflettere su molte cose realmente significative della vita. Sono tutti dialoghi stringati, o meglio, semplici e concisi scambi di parole su cui si concentra l'essenza del messaggio della regista.


In my brother's shoes ha un secondo protagonista che definirei di sottofondo: il silenzio del protagonista che più che "attore" cioè colui che agisce, definirei "ascoltatore e osservatore". Come dicevo, i dialoghi del film sono rari e scarni. Sono piuttosto presenti invece gli sguardi del protagonista diretti su Roma - una Roma monumentale e una Roma tipica.


Esempi: un caffè preso al tavolino di un bar lungo Via del Corso; il Pantheon; Palazzo Farnese, Trinità dei Monti; Piazzale S. Giovanni, l'acquedotto romano; Fontana di Trevi, S. Maria in Trastevere e ovviamente l'immancabile panorama su Roma vista dal Gianicolo. Certo una Roma "da cartolina", come infatti in un paio di scene vediamo Danny affiancato dalle cartoline postali che illustrano le bellezze della città in mostra sull'espositore girevole. Ma Lucia non intende farne uno stereotipo da turista: sono cartoline quelle che gli amici di suo fratello gli aveva spedito da Roma invitandolo a raggiungerlo e sarà un'ultima cartolina quella che Danny scriverà e spedirà da Roma senza indirizzo al fratello morto. Danny non parla in queste scene. Ma al suo silenzio si contrappongono i suoni della città: la sirena di un'ambulanza, il traffico, le note di un'aria d'opera. Qualche volta Danny sorride e via via sembra assorbire e direi quasi cedere alla forza vitale di chi e di cosa è presente attorno a lui.


In One Year Later la prospettiva sulla protagonista cambia in modo evidente: il suo sguardo, o per meglio dire la sua immagine viene frequentemente filtrata attraverso i riflessi e la luce.


Esempi: il riflesso dell'ospedale sui finestrini dell'auto al momento di tornare a casa dopo la terapia;


il riflesso sulla doppia porta di casa e su una parete interna; l'immagine di Liz riflessa dallo specchio, anzi dai due specchi nella sua camera da letto, e in bagno; il riflesso del paesaggio che le sfila a fianco sul finestrino del treno che la porta in montagna (e con un delicato cammeo di Lucia Mauro seduta al suo fianco!). Ma nella scena in cui Liz prende un taxi a Milano, i riflessi scompaiono e rimane la sua vera immagine diretta: è infatti il momento in cui si sente finalmente protagonista della propria vita prendendo la decisione di fare quello che le piace e non quello che gli altri vorrebbero e quei riflessi si mutano in immagini nitidissime, piene di luce. Questo elemento ci conferma l'attrazione della regista per la luce e particolarmente per la luce in Italia: come detto, Lucia ha pubblicato libri di fotografie scattate in Italia e inoltre mi viene d'obbligo ricordare che il suo stesso nome evoca questo elemento, nomen omen!


La differenza nell'interpretare I due protagonisti in prospettive cosi' svolte rivela l'intima sofferenza di ciascuno in modo diverso: Danny ha subìto il dolore della morte del fratello, Liz ha vissuto in prima persona la malattia. Lo sguardo di Danny è uno sguardo diretto, dritto che affronta la realtà senza interferenze esterne. Liz "si sente" un riflesso di quello che gli altri vedono in lei, come infatti afferma nella prima scena del film, ma il suo è uno sguardo che tende sempre ad alzarsi verso la luce, a guardare verso l'alto.

Esempi: Il primo piano di Liz nella prima scena una volta arrivata in Italia è un raggio di sole che si riflette dietro il suo capo mentre lei alza lo sguardo verso l'alto sullo sfondo del Duomo di Milano; Liz si stende su un prato davanti al Castello Fenis (siamo in Valle d'Aosta) e ancora una volta guarda ammaliata l'azzurro del cielo; in diverse altre occasioni, Liz guarda le cime delle montagne, in una chiara ricerca di sollevarsi dal peso che la inchioda a terra, la inchioda alla malattia che invece ha superato, metafora evidente del bisogno di una leggerezza fisica, mentale e psicologica dopo la pesantezza di una prova cosi' dura.


La luce e i raggi solari sono i co-protagonisti di questo film, chiaramente indicati sin dalla prima scena: l'infermiera che accompagna Liz sulla sedia a rotelle ancora indebolita dalla terapia le dice che fuori c'è il sole e che "The sunshine makes everything look brighter": una affermazione assai familiare e cara per chi viene da Chicago e spera sempre in una bella giornata!


Anche i colori sono co-pratogonisti di questo secondo film di Lucia, molto piu' che nel film precedente. Il marito rompe la tazzina a forma di variegato cubo di Rubrik che le aveva regalato e tutto diventa grigio e asettico nelle scene "americane", anche le lenzuola del suo letto matrimoniale sono grigie. Liz indossa abiti quasi monacali, ma a Milano lei comprera' una camicetta dai colori sgargianti e indossera' poi pantaloni arancioni e così fino alla fine del film quando la vediamo indossare una coloratissima felpa rosa shocking. Il recupero del colore e una risata ristoratrice irrefrenabile finale le garantiranno una palingenesi tanto agognata.


Le cartoline di In my brother's shoes hanno un corrispondente nel poster della Valle d'Aosta che attira l'attenzione di Liz e le fa prendere la decisione di andare proprio là per allontanarsi da una realtà tanto difficile da superare. Liz è alla ricerca di qualcosa (una nuova se stessa) e vuole inconsciamente "ritrovarsi" e "rinnovarsi". Il poster dedicato alla Valle d'Aosta reca la scritta "Ritroverete nelle Alpi": l'ellissi del pronome - vi ritroverete-, o dell'oggetto - cosa ritroverete?- rivela una lacuna, un vuoto e quel vuoto che infatti la protagonista intende colmare e fortunatamente ha ancora la forza di volontà necessaria per riprendersi e reagire.


Ad Aosta Liz arriva "a pezzi", come la tazzina rotta a casa, così come le tristi rovine di un muro di difesa medievale, che si ferma ad osservare come se osservasse in verità se stessa e davanti al quale le si affianca un anziano e garbato signore in bicicletta. "Non si può vivere nel passato" afferma Liz di fronte a quelle rovine e un istante dopo, eccola adagiarsi su un prato verdissimo, sotto un sole luminosissimo e dinnanzi al possente bastione di un castello medievale in perfetto stato. Ecco il momento della rigenerazione, della forza di quel bastione che penetra nell'anima della nostra protagonista.

Entrambi i film seguono un finale direi parallelo: entrambi finiscono con una dedica.

Danny entra nella chiesa di San Bartolomeo e lascia la piastrina militare del fratello sull'altare dedicato


"Ai nuovi martiri in Europa".

Liz riceve in regalo da Antonio una poesia di Bertold Brecht dedicata "A chi esita".

Con questo dettaglio finale in comune, si passa dunque dall'individuale all'universale, dal singolo al plurale, dal riserbo alla condivisione del proprio vissuto.

E veniamo alla didattizzazione dei film.


Gli spunti fruibili sono molti e ne faro' solo accenno:

1. La lunghezza di entrambi I film (uno di 25 minuti e l'altro di 57) permette sia la segmentazione in due-tre parti sia una visione integra all'interno di un'unica lezione

2. La dimensione spaziale fornisce elicitazioni per la descrizione e l'uso degli aggettivi (livelli principianti)

3. L'abbigliamento sia di Danny che di Liz che di tutti gli italiani visibili nelle scene

4. I luoghi monumentali di Roma e i monti della corona alpina (per esempio raccordabili a lezioni di cultura, di storia, di ambiente, di vacanze)

5. I suoni delle strade, il vocio della gente al mercato o alla stazione, la musica

6. Il cibo: il cornetto che Antonio offre a Liz o il gelato che Danny mangia a Trastevere; il risotto alla milanese a cui fanno accenno gli amici che vivono a Milano e lo "street food" italiano

7. Peculiarità italiane: lo sciopero dei treni che blocca Liz, o non c'è un autobus la domenica!

8. Il significato degli spazi da raccordare ai sentimenti provati dai protagonisti (livelli avanzati di conversazione)

Sono spunti ampiamente fruibili per una pluralità di stimoli sensoriali nell'apprendimento della lingua:

udito, vista, gusto.


E un' ultima domanda da porre: "perché proprio l'Italia"? "Heaven on Eart" afferma Liz. "I am here in memory of my brother", rivela Danny. Perché proprio l'Italia e la sua immagine, le sue bellezze, i suoi colori, la sua luce, la sua gente sono le quinte teatrali davanti alle quali si compiono e talvolta si risolvono i nostri dilemmi? Spunto stimolante per una bella conversazione sull'immaginario collettivo che riguarda il nostro Paese, le sue attrattive, la sua malìa. ##

Profiles in Catholicism relies on its readers for financial support. Please help us with

a $10.00 donation

© 2020 Profiles in Catholicism

site  design/development petitetaway