An Interview with Lucia Mauro

Updated: Apr 9, 2019

by Gordon Nary


Gordon: You are the most talented person that I have ever interviewed. You are a published author in both English and Italian, a great artist, you are my favorite filmmaker, one of my favorite photographers, and a well-known theater and dance critic. There are many things that I hope we can discuss, But, first, let’s discuss what happened when you were diagnosed with ovarian cancer. What were some of the questions you asked your physician?


Lucia: First of all, Gordon, thank you for your very kind words of support. As is often the case, we set out on our path in life...then the universe throws us a curveball. Mine was being diagnosed with ovarian cancer in 2012. The symptoms were vague and puzzling – bloating, feeling full after eating a few bites, nausea and flu-like signs. They can also mimic the symptoms of peri-menopause.


I was diagnosed via ultrasound, CT-scan, a CA-125 blood test and, lastly, surgery. My main question for my gynecologic oncologist was how could the disease take hold when I had no family history of ovarian cancer, and he said that there are numerous reasons other than genetics, including environment or a glitch in cell division. And even though I got regular check-ups from my previous doctors, ovarian cancer was never discussed. There is still no early-detection test for this type of cancer.


So it’s crucial to be aware of any unusual changes and see a doctor immediately. With ovarian cancer, time is of the essence. I believe it’s one of the first cancers gynecologists should consider when presented with these types of symptoms from their patients.


Gordon: What treatments did you take and how long has your cancer been in remission?


Lucia: It’s hard to believe, but I’ve had A LOT of treatments: six surgeries, chemotherapy (in 2012 and in 2015), radiation, and I participated in an immunotherapy clinical vaccine trial. In addition to being diagnosed in 2012, I experienced an isolated recurrence in 2014 and another in 2016. To date, I’m doing well and continue to move forward with my life, do my regular follow-up tests and make films that I hope inspire others.


Gordon: I recommend that anyone with or who has had cancer see your film One Year Later, Please provide our readers with an overview of the film.


Lucia: One Year Later (2016) is a semi-autobiographical narrative film that addresses the emotional side of cancer survivorship through my protagonist, Liz, who takes a life-affirming trip to the Italian Alps one year after completing cancer treatment. It chronicles the effect of illness, not only on the patient but on the caregiver, family, and friends. This is, in no way, a solemn film. It’s humorous and uplifting and is appropriate for anyone who has gone through trauma and wishes to move on with their lives. Ultimately, each character must re-navigate their relationships, and they change for the better. Most importantly, my main character acknowledges that she’s been changed by cancer, but not defined by it. In fact, One Year Later begins with Liz leaving the hospital and proceeds to be set in the healing, multi-sensory environment of nature, the mountains and fresh air. As a side note, ever since attending Loyola University’s John Felice Rome Center in 1985, I’ve been enamored by and inspired by all of Italy.

Gordon: I understand that the film is shown at cancer treatment centers to inspire patients and survivors and to create a forum for discussing the more intangible psychological aspects of the diagnosis. What have been some of the responses from the viewers?


Lucia: It’s always so rewarding when, while viewing the film, the audience laughs and nods in a way that shows how they can relate to the issues. But by saying they laugh does not mean that I diminish in any way the effects of a cancer diagnosis. One Year Later makes certain moments of well-intentioned over-protectedness or misunderstanding palpable. For instance, in one scene, Liz’s husband Bill tries so hard to pamper her that he ends up creating a minor disaster in the kitchen, including breaking a rather gaudy coffee mug. When Liz tries to console him by saying, “I always hated that stupid coffee mug anyway,” he looks wounded and responds, “But I got you that.” It never fails to elicit a chuckle. When Liz decides to take a trip to Milan with her rather overbearing friends, the audience vocally cheers when she escapes to the Alps for the weekend. The fact that the film is not set in a clinical environment takes viewers to a beautiful, peaceful place. Various comments I’ve received have included how cancer patients find it refreshing that the film shows how they can make their own decisions and stand up for themselves...and that there is a world of great possibility beyond chemo, beyond anxiety, beyond a regimented medical schedule. Throughout the film, my character takes the time to find her space, and she meets people along the way who help her and she, in turn, helps them. One of the film’s most significant lines from Liz is: “I think people look at me and still see the illness. But that’s such a small part of who I really am.”


Gordon: I was privileged to see Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint. As I mentioned to you after seeing the film, there would never be another Catholic leave the church if they would see this film. What inspired you to create this film?


Lucia: I believe that our Mother Cabrini film came about through divine intervention. My husband-producer Joe Orlandino and I are congregation members of the National Shrine of St. Frances Xavier Cabrini. For the 2017 Lenten season, we showed our first film, In My Brother’s Shoes, at the Shrine. Following the presentation, a volunteer from the Shrine’s Centenary Committee (2017 marked the 100th anniversary of Mother Cabrini’s passing to eternal life) approached us about getting involved with the Centenary activities. Being filmmakers, Joe and I immediately thought of a documentary on the Saint. The inspiration for the style of the film – a poetic hybrid that combines interviews with actor reenactments and original music celebrating Mother Cabrini’s essence and presence in our world today – happened very quickly. We immediately set about raising the money and went into production in the Saint’s home town of Sant’Angelo Lodigiano (just outside Milan), Italy in June 2017. We filmed the rest in Chicago and premiered the work in November 2017 – within the perimeters of her Centenary year. Essentially, Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint is about rebirth and how Mother Cabrini’s compassionate message is present in individuals from all walks of life living her message today. She is the Patroness of Immigrants and Hospital Administrators and founded 67 institutions – schools, orphanages, hospitals, novitiates – on three continents. In the film, we see Mother Cabrini as a Little Girl with a dream of becoming a missionary; a Young Woman sent by Pope Leo XIII to minister to the newly arrived Italian immigrants in America; and at the end of her earthly life in Chicago. It shows her global reach, her intercession and thriving present-day immigrant faith communities.


Gordon: The music in the film is extraordinary. Please tell our readers something about the composer.


Lucia: I collaborate on all of my films with the extraordinarily sensitive and intuitive composer Enzo De Rosa. He was born in Naples, Italy, and currently lives in Montreal. His wife, Isabelle Metwalli, is a lovely soprano whose singing is featured in Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint. How did we met? My husband Joe is very active with a film production organization/website called Stage 32. In 2014, when we were working on In My Brother’s Shoes, we posted a call for a composer on this site. Enzo responded. We immediately connected to his music. It just moves my heart and soul. Since working together on In My Brother’s Shoes, Enzo has become a main driving force for my films because his music acts as a central narrator for the emotional life of my characters, subjects, and themes. This is not a common practice in film, but we have collaborated on the music before I’ve even shot the films – he’s that tapped into my aesthetic. Typically, the composer creates the score while the film is being edited. A viewer commented to me that the music in Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint sounds as if the heavens are opening. I couldn’t agree more.


Gordon: Please share with our readers an overview of your film In My Brother's Shoes, which won Best Short Film at the 2015 Mirabile Dictu International Catholic Film Festival in the Vatican, Rome and was featured in the 2015 Cannes International Film Festival’s Short Film Corner.


Lucia: In My Brother’s Shoes is near and dear to my heart, not only because it’s my first film, but also because it gave me an opportunity to honor the memory of a fallen U.S. Marine. This is an original narrative short film inspired by a young American man I met by chance in St. Peter’s Square at the Vatican. I was waiting for a friend when he appeared seemingly out of nowhere. This man was wearing shoes that were torn to shreds and didn’t fit him properly. When I asked him, he explained that his brother was a Marine who was killed in Iraq. He always wanted to go backpacking to Italy with his friends but never got the chance. So his brother put on his sibling’s favorite shoes, which were too tight, and visited Italy literally in his brother’s shoes. This story became the impetus for creating a moving film about processing grief, healing, human connection and, in the end, a selfless act of generosity with certain Christ-like parallels. I wrote it for actor Danny McCarthy, whom I admired from my many years as a Chicago theater critic. He brought to this role an honesty and pathos that gives his character a very relatable and sympathetic “Every Man” quality.


Gordon: Why did you decide to donate a portion of proceeds from film screenings toward PTSD programs for veterans, cancer research, and humanitarian efforts?


Lucia: Joe and I decided that since In My Brother’s Shoes was a short film, it most likely was not going to have a big theatrical release. But we also did not want it to only be shown at film festivals. We felt it needed a wider audience and that it could serve as a beautiful way to invite veterans and their families and to address PTSD and raise funds for this cause. We founded our not-for-profit organization, called In My Brother’s Shoes, Inc., for this purpose. Then, when I felt it was the right time to make One Year Later, my film about cancer survivorship, I realized that there are many different forms of PTSD. In My Brother’s Shoes premiered in 2014 at Chicago’s Ganz Theater inside Roosevelt University – sponsored by the Auditorium Theatre – and it opened with a U.S. Marine Corps Color Guard and a concert by Enzo De Rosa. We were able to raise funds to increase PTSD resources at the Pritzker Military Museum & Library. One Year Later premiered in 2016 at Loyola University Medical Center’s new Center for Translational Research and Education in Maywood, Ill. It raised funds for ovarian cancer research. Since then, we’ve expanded our reach and have teamed up with a number of organizations, including the National Ovarian Cancer Coalition. Since premiering in 2017 in Montreal for the dedication of a Chapel to Mother Cabrini at Santa Cabrini Hospital, Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint has had about 30 screenings in the U.S., Canada and Europe, with an emphasis on religious and humanitarian organizations. I can’t stress enough how fulfilling it is to share our films in a warm and uplifting environment with so many people who then have the opportunity to participate in the post-show discussions. We’ve met remarkable individuals who have changed our lives. More information can be found at: https://www.inmybrothersshoes.org/


Gordon: What new films are in the planning stage?


Lucia: We just wrapped filming on a feature, titled Rain Beau’s End, which Joe and I co-produced (based on an original story by Joe), in Chicago. It tells the story of a couple who adopt a boy with a rare chromosomal disorder (that causes him to have violent outbursts) and their journey to help him. Despite this boy’s uncomfortable challenges, the parents never give up on him.


I go into production in May for my original new short film, Voci del diario (Entries), in Italy (Brescia and Trento). I’m very interested in exploring the idea of the life cycle and the legacies we leave. In this film, one man chronicles the milestones in his life in his journal and, even when he’s gone, he leaves a part of himself with his loved ones, most notably his granddaughter who continues his tradition of journal writing. We see the man during four stages: Childhood, Youth, Middle Age, Old Age. My goal is to bring this film to organizations that foster journal/memoir writing and sketchbooks as a way of healing and self-reflection.


In addition, I’m in the process of potentially writing and directing a documentary in Chicago in the Fall, then I have more narrative films that I’m writing. It seems to be my destiny.


Gordon: How do you choose the actors to play specific roles?


Lucia: With In My Brother’s Shoes, I wrote the main role for Danny McCarthy. I also partially approached One Year Later that way. I’m fortunate to have spent so many years as a Chicago theater/dance critic and arts writer that I’ve experienced the exceptional work of many actors first hand. I also have had the great opportunity to collaborate with outstanding actors in Italy. For Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint, I reunited with two wonderful Italian actors for the roles of Pope Leo XIII and the Priest, and discovered actresses perfectly suited for the roles of Mother Cabrini at various stages of her life. Miriam Giudice, who portrayed Mother Cabrini as a Young Woman, as it turns out, graduated from Mother Cabrini High School in Milan! I did not know that when I invited her to portray the Saint. I enjoy working with, what I call, the same “traveling troupe of players” and love to write different types of roles for the same actors to show their range. I greatly admire the craft and dedication of actors – and of all the artists who collaborate and bring stories to life through the medium of film. We are all, ultimately, at the service of the story.


Gordon: How do you raise money for the films that you make?


Lucia: That’s a bit of a challenging question, as our films reach different audiences. For instance, for One Year Later, we were able to reach out to the medical community, as well as individuals dedicated to cancer survivorship issues. We have received funding from private individuals, organizations and foundations, as well as have managed one GoFundMe campaign. That said, each project requires a fresh, new approach to fundraising and, often, to new potential producing partners. It may be the single most difficult part of being a filmmaker – but it’s the funding that makes it all possible. My approach is: Keep the production costs low, within reason, and the production values high. We find ourselves being resourceful, committed and, most of all, passionate with each new project. A sense of urgency and the right timing tend to propel me forward. Gordon, thank you so much for this opportunity, and for your thoughtful questions.


Gordon: To introduce your readers to some of your other talents, we will be featuring reviews of your books in addition to your films which are indexed in our Reviews section in both English and Italian of our website, including Prof. Anna Clara Ionta’s review of Frances Xavier Cabrini: The People’s Saint.

In closing, I am asking our readers to say this prayer to St Peregrine for you and all people facing cancer.

O great St. Peregrine, you have been called "The Mighty," "The Wonder-Worker," because of the numerous miracles which you have obtained from God for those who have had recourse to you. For so many years you bore in your own flesh this cancerous disease that destroys the very fiber of our being, and who had recourse to the source of all grace when the power of man could do no more. You were favored with the vision of Jesus coming down from His Cross to heal your affliction. Ask of God and Our Lady, the cure of the sick whom we entrust to you. (Pause here and silently recall the names of the sick for whom you are praying) Aided in this way by your powerful intercession, we shall sing to God, now and for all eternity, a song of gratitude for His great goodness and mercy. Amen.


Lucia Mauro


Gordon: Sei la persona più talentuosa che abbia mai avuto intervistato. Sei un autore pubblicato sia in inglese e in Italiano, un grande artista, sei il mio cineasta preferito, uno dei miei i fotografi preferiti e un noto teatro e danza critico. Ci sono molte cose che spero di poter discutere, ma, per la prima cosa, discutiamo di cosa è successo quando ti è stato diagnosticato di cancro alle ovaie. Quali erano alcune delle tue domande ha chiesto il tuo medico?


Lucia: Prima di tutto, Gordon, grazie per le tue gentili parole di sostegno. Come spesso accade, ci incamminiamo sulla nostra strada nella vita ... poi l'universo ci lancia una palla curva. Il mio è stato diagnosticato un cancro alle ovaie nel 2012. I sintomi erano vaghi e sconcertanti - gonfiore, sensazione di sazietà dopo aver mangiato qualche morso, nausea e segni simili all'influenza. Possono anche imitare i sintomi della peri-menopausa. Mi è stato diagnosticato tramite ultrasuoni, CT-scan, un esame del sangue CA-125 e, infine, un intervento chirurgico. La mia domanda principale per il mio oncologo ginecologico era come la malattia potesse prendere piede quando non avevo una storia familiare di cancro alle ovaie, e ha detto che ci sono molte ragioni diverse dalla genetica, incluso l'ambiente o un problema tecnico nella divisione cellulare. E anche se ho ricevuto controlli regolari dai miei precedenti medici, il cancro alle ovaie non è mai stato discusso. Non esiste ancora un esame di diagnosi precoce per questo tipo di cancro. Quindi è fondamentale essere consapevoli di eventuali cambiamenti inusuali e consultare immediatamente un medico. Con il cancro alle ovaie, il tempo è essenziale. Credo che sia uno dei primi tumori che i ginecologi dovrebbero considerare quando presentano questi tipi di sintomi dai loro pazienti.


Gordon: Quali trattamenti hai preso e per quanto tempo il cancro è stato in remissione?


Lucia: È difficile da credere, ma ho avuto MOLTE cure: sei interventi chirurgici, chemioterapia (nel 2012 e nel 2015), radioterapia, e ho partecipato a uno studio clinico di immunoterapia con vaccino. Oltre a essere diagnosticato nel 2012, ho avuto una recidiva isolata nel 2014 e un'altra nel 2016. Ad oggi, sto andando bene e continuo ad andare avanti con la mia vita, faccio i miei controlli e faccio I film che spero ad ispirare gli altri.


Gordon: Raccomando a tutti quelli che hanno o hanno avuto il cancro di vedere il tuo film, Un anno dopo. Si prega di fornire ai nostri lettori una descrizione del film.


Lucia: Un anno dopo (2016) è un film narrativo semi-autobiografico che affronta il lato emotivo della sopravvivenza del cancro attraverso la mia protagonista, Liz, che intraprende un viaggio di vita sulle Alpi italiane un anno dopo aver completato il trattamento del cancro. Descrive l'effetto della malattia, non solo sul paziente, ma sul caregiver, sulla famiglia e sugli amici. Questo è, in nessun modo, un film solenne. È divertente ed edificante ed è appropriato per chiunque abbia vissuto un trauma e desideri andare avanti con le loro vite. In definitiva, ogni personaggio deve re-navigare le proprie relazioni e cambiare in meglio. Ancora più importante, il mio personaggio principale riconosce che è stata cambiata dal cancro, ma non definita da esso. Infatti, Un anno dopo inizia con Liz lasciando l'ospedale e procedendo per l'ambiente curativo e multisensoriale della natura, delle montagne e dell'aria fresca. Sin da quando ho frequentato il John Felice Rome Center della Loyola University nel 1985, sono stata innamorata e ispirata da tutta l'Italia.


Gordon: Capisco che il film venga mostrato nei centri di cura del cancro ad ispirare pazienti e sopravvissuti e creare un forum per discutere gli aspetti psicologici più intangibili della diagnosi. Quali sono state alcune delle risposte degli spettatori?


Lucia: È sempre così gratificante quando, guardando il film, il pubblico ride e annuisce in un modo che mostra come possono relazionarsi ai problemi. Ma dire che ridono non significa che io diminuisca in alcun modo gli effetti di una diagnosi di cancro. Un anno dopo rende palpabili certi momenti di eccessiva protezione o incomprensione intenzionale. Per esempio, in una scena, il marito di Liz, Bill, cerca così tanto di coccolarla che finisce per creare un piccolo disastro in cucina, tra cui la rottura di una tazza da caffè piuttosto sgargiante. Quando Liz cerca di consolarlo dicendo: "Ho sempre odiato quella stupida tazza di caffè in ogni caso," sembra ferito e risponde, "Ma io ti ho regalato quello." Non fallisce mai di suscitare una risatina. Quando Liz decide di fare un viaggio a Milano con i suoi amici piuttosto prepotenti, il pubblico applaude animatamente quando scappa verso le Alpi per il weekend. Il fatto che il film non sia in un ambiente clinico porta gli spettatori in un luogo bello e pacifico. Diversi commenti che ho ricevuto hanno incluso il modo in cui i malati di cancro trovano rinfrescante nel fatto che il film mostri come possono prendere le proprie decisioni e difendere se stessi ... e che esiste un mondo di grandi possibilità oltre la chemio, oltre l'ansia, oltre un programma medico irreggimentato. Durante tutto il film, il mio personaggio si prende il tempo per trovare il suo spazio, e incontra persone lungo la strada che l'aiutano e lei, a sua volta, li aiuta. Una delle battute più significative del film di Liz è: "Penso che la gente mi guardi e veda ancora la malattia. Ma questa è una parte così piccola di ciò che sono veramente."


Gordon: Ho avuto il privilegio di vedere Frances Xavier Cabrini: The People's Saint. Come ti ho detto dopo aver visto il film, non ci sarebbe mai stato essere un altro cattolico lascia la chiesa se vedessero questo film. Cosa ti ha ispirato a creare questo film?


Lucia: Credo che il nostro film su Santa Cabrini sia nato attraverso l'intervento divino. Il mio produttore-marito Joe Orlandino e io siamo membri della congregazione del Santuario Nazionale della Santa Francesca Saverio Cabrini. Per il Prestato del 2017, abbiamo mostrato il nostro primo film, Nei panni di mio fratello, al Santuario. Dopo la presentazione, un volontario del Comitato per il Centenario della Santa (il 2017 ha celebrato il 100° anniversario della morte di Madre Cabrini) si è avvicinato a noi per essere coinvolti nelle attività del Centenario. Essendo registi-produttori, io e Joe abbiamo subito pensato a fare un documentario sulla Santa. L'ispirazione per lo stile del film -- un ibrido poetico che combina interviste con rievocazioni di attori e musica originale che celebra l'essenza e la presenza di Madre Cabrini nel nostro mondo oggi – è avvenuta molto rapidamente. Abbiamo subito iniziato a raccogliere fondi e siamo iniziati le riprese nella città natale di Sant'Angelo Lodigiano (appena fuori Milano), in Italia, nel giugno 2017. Abbiamo girato il resto a Chicago e abbiamo fatto la prima visione del film a novembre 2017 – all'interno dei perimetri del suo Centenario. In sostanza, Francesca Saverio Cabrini: La Santa del Popolo parla della rinascita e di come il messaggio compassionevole di Madre Cabrini sia presente in individui di ogni ceto sociale che vivono il suo messaggio oggi. È la Patrona degli Immigrati e Amministratori Ospedalieri e ha fondato 67 istituzioni – scuole, orfanotrofi, ospedali, noviziati – in tre continenti. Nel film, vediamo Madre Cabrini come una bambina con il sogno di diventare missionaria; una giovane donna inviata da Papa Leone XIII per servire gli immigrati italiani appena arrivati in America;e alla fine della sua vita terrena a Chicago. Mostra la sua portata globale, la sua intercessione e le fiorenti comunità di immigrati oggi.


Gordon: La musica nel film è straordinaria Per favore dillo ai nostri lettori qualcosa sul compositore.


Lucia: Collaboro a tutti i miei film con il compositore straordinariamente sensibile ed intuitivo Enzo De Rosa. È nato a Napoli, in Italia, e attualmente vive a Montreal. Sua moglie, Isabelle Metwalli, è un'adorabile soprano cantando nel Francesca Saverio Cabrini: La Santa del Popolo. Come ci siamo conosciuti? Mio marito Joe è molto attivo con un'organizzazione /un sito di produzione cinematografica chiamato Stage 32. Nel 2014, quando stavamo lavorando su Nei panni di mio fratello, abbiamo pubblicato una chiamata per un compositore su questo sito. Enzo ha risposto. Ci siamo subito collegati alla sua musica. Mi muove il cuore e l'anima. Da quando ha lavorato insieme nel Nei panni di mio fratello, Enzo è diventato una grande forza per i miei film, perché la sua musica funge da narratore centrale per la vita emotiva dei miei personaggi, soggetti e temi. Questa non è una pratica comune nel cinema, ma abbiamo collaborato alla musica prima ancora di girare i film - è questo che ha attinto alla mia estetica. In genere, il compositore crea la colonna sonora durante il montaggio del film. Uno spettatore mi disse che la musica di Francesca Saverio Cabrini: La Santa del Popolo suona come se i cieli si aprissero Sono completamente d’accordo.


Gordon: Per favore condividi con i nostri lettori una descrizione del tuo film, che ha vinto il premio come miglior cortometraggio nel 2015 Mirabile Dictu International Catholic Film Festival al Vaticano, Roma, ed è stata proiettato al Festival internazionale di Cannes 2015.


Lucia: Nei panni di mio fratello è vicino e caro al mio cuore, non solo perché è il mio primo film, ma anche perché mi ha dato l'opportunità di onorare un caduto marino militare americano. Questo è un cortometraggio narrativo originale ispirato da un giovane americano che ho incontrato per caso in Piazza San Pietro al Vaticano. Stavo aspettando un amico quando è apparso apparentemente dal nulla. Quest'uomo indossava scarpe che erano state strappate a brandelli e non gli andavano bene. Quando gli ho chiesto, ha spiegato che suo fratello era un marino militare ucciso in Iraq. Ha sempre voluto andare in giro in Italia con i suoi amici ma non ne ha mai avuto la possibilità. Così suo fratello indossò le scarpe preferite di suo fratello, che erano troppo strette, e visitò l'Italia letteralmente nei panni di suo fratello. Questa storia divenne l'impulso per la creazione di un film commovente sull'elaborazione del dolore, la guarigione, la connessione umana e, alla fine, un atto altruistico di generosità con alcuni paralleli simili a quelli di Cristo. L'ho scritto per l'attore Danny McCarthy, che ammiravo da molti anni come critico teatrale a Chicago. Ha portato a questo ruolo un'onestà e un pathos che conferiscono al suo personaggio una qualità "Every Man" molto affabile e comprensibile.


Gordon: Perché hai deciso di farlo donare una parte dei proventi da proiezioni che raccolgono fondi per programmi di PTSD per veterani, ricerca sul cancro e sforzi umanitari?


Lucia: Io e Joe abbiamo deciso che dal momento che Nei panni di mio fratello era un cortometraggio, molto probabilmente non avrebbe avuto una grande uscita nelle sale del cinema. Ma non volevamo che fosse mostrato solo ai festival cinematografici. Ritenevamo che fosse necessario un pubblico più ampio e che potesse servire come un bel modo per invitare i veterani e le loro famiglie e per affrontare il PTSD e raccogliere fondi per questa causa. Abbiamo fondato la nostra organizzazione non-profit, chiamata In My Brother's Shoes, Inc., per questo scopo. Poi, quando ho sentito che era il momento giusto per fare Un anno dopo, il mio film sulla sopravvivenza al cancro, mi sono reso conto che esistono diverse forme di PTSD. Nei panni di mio fratello è stato presentato per la prima volta nel 2014 al Ganz Theater di Chicago all'interno della Roosevelt University - sponsorizzato dall'Auditorium Theatre - e ha aperto con una US Marine Corps Color Guard e un concerto di Enzo De Rosa. Siamo stati in grado di raccogliere fondi per aumentare le risorse PTSD presso il Museo e la Biblioteca Militare di Pritzker. Un anno dopo è stato presentato per la prima volta nel 2016 presso il nuovo centro per la ricerca al Centro Medico della Loyola University. Ha raccolto fondi per la ricerca sul cancro alle ovaie. Da allora, abbiamo ampliato la nostra portata e collaborato con diverse organizzazioni, tra cui la National Ovarian Cancer Coalition. Dalla sua prima visione nel 2017 a Montreal per la dedicazione di una cappella alla Madre Cabrini all'Ospedale Santa Cabrini, Francesca Saverio Cabrini: La Santa del Popolo ha avuto circa 30 proiezioni negli Stati Uniti, in Canada e in Europa, con un'enfasi sulle organizzazioni religiose e umanitarie. Non posso sottolineare abbastanza quanto sia gratificante condividere i nostri film in un ambiente caloroso ed edificante con così tante persone che poi hanno l'opportunità di partecipare alle discussioni post-spettacolo. Abbiamo incontrato persone straordinarie che hanno cambiato la nostra vita. Ulteriori informazioni possono essere trovate su: https://www.inmybrothersshoes.org/


Gordon: Quali sono i nuovi film in fase di progettazione?


Lucia: Abbiamo appena finito di girare un film, intitolato Rain Beau's End, che Joe e io abbiamo coprodotto (basato su un racconto originale di Joe), a Chicago. Racconta la storia di una coppia che adotta un ragazzo con un raro disturbo cromosomico (che lo fa avere violenti scoppi) e il loro viaggio per aiutarlo. Nonostante le scomode sfide di questo ragazzo, i genitori non si arrendono mai.


Vado in produzione a maggio per il mio nuovo cortometraggio originale, Voci del diario , in Italia (Brescia e Trento). Sono molto interessata ad esplorare l'idea del ciclo di vita e le eredità che lasciamo. In questo film, un uomo racconta le pietre miliari della sua vita nel suo diario e, anche quando se ne va, lascia una parte di se stesso con i suoi cari, in particolare la nipote che continua la sua tradizione di scrittura di diario. Vediamo l'uomo durante quattro fasi: Infanzia, Gioventù, Medioevo, Vecchiaia. Il mio obiettivo è di portare questo film alle organizzazioni che promuovono la scrittura di diari /memorie e gli album di schizzi come metodo di guarigione e auto-riflessione.


Inoltre, sono in procinto di scrivere e dirigere un documentario a Chicago in autunno, quindi ho più film narrativi che sto scrivendo. Sembra essere il mio destino.


Gordon: Come scegli gli attori per interpretare ruoli specifici?


Lucia: Con Nei panni di mio fratello, scrissi il ruolo principale per Danny McCarthy. Mi sono anche avvicinata in parte per Un anno dopo in quel modo. Ho avuto la fortuna di aver trascorso così tanti anni da critico teatrale e scrittore dell’arte a Chicago, che ho sperimentato in prima persona l'eccezionale lavoro di molti attori. Ho anche avuto la grande opportunità di collaborare con attori eccezionali in Italia. Per Francesca Saverio Cabrini: La Santa del Popolo, mi sono riunita con due attori italiani meravigliosi per i ruoli di Papa Leone XIII e il Sacerdote, e ho scoperto attrici che si adattano perfettamente ai ruoli della Madre Cabrini nelle varie fasi della sua vita. Miriam Giudice, che ha interpretato Madre Cabrini come una giovane donna si è laureata alla scuola superiore Madre Cabrini di Milano! Non lo sapevo quando l'ho invitata a ritrarre il Santo. Mi piace lavorare con, quello che chiamo, la stessa "compagnia itinerante degli attori" e amo scrivere diversi tipi di ruoli per gli stessi attori per mostrare la loro gamma. Ammiro molto il mestiere e la dedizione degli attori - e di tutti gli artisti che collaborano e portano storie attraverso il mezzo del film . Siamo tutti, alla fine, al servizio della storia.


Gordon: Come guadagni soldi per i film che realizzi?


Lucia: Questa è una domanda un po 'difficile, poiché i nostri film raggiungono un pubblico diverso. Ad esempio, per Un anno dopo, siamo stati in grado di raggiungere la comunità medica, così come le persone dedicate ai problemi di sopravvivenza del cancro. Abbiamo ricevuto finanziamenti da privati, organizzazioni e fondazioni e gestito una campagna GoFundMe. Detto questo, ogni progetto richiede un nuovo approccio alla raccolta di fondi e, spesso, ai nuovi potenziali partner produttori. Potrebbe essere la parte più difficile dell'essere un regista, ma è il finanziamento che rende tutto possibile. Il mio approccio è: mantenere bassi i costi di produzione, entro limiti ragionevoli, e i valori di produzione elevati. Ci troviamo di essere intraprendenti, impegnati e, soprattutto, appassionati di ogni nuovo progetto. Un senso di urgenza e il giusto tempismo tendono a spingermi in avanti. Gordon, grazie mille per questa opportunità e per le tue domande riflessive.


Gordon: Per presentare i tuoi lettori ad alcuni dei tuoi talenti, lo saremo con recensioni dei tuoi libri oltre ai tuoi film che sono indicizzati nella nostra sezione, Recensioni, sia in inglese che in italiano di nostro sito web, compresa la recensione della professoressa Anna Clara Ionta su Frances Xavier Cabrini: The People's Saint.


In chiusura, chiedo ai nostri lettori di dire questa preghiera a https://www.catholicprofiles.org/ per te e per tutte le persone affette da cancro:

O grande San Pellegrino, sei stato chiamato "Il potente", "Il prodigio-lavoratore", a causa dei numerosi miracoli che hai ottenuto da Dio per coloro che hanno fatto ricorso a te. Per tanti anni hai portato nella tua stessa carne questa malattia cancerosa che distrugge la vera fibra del nostro essere e che ha fatto ricorso alla fonte di ogni grazia quando il potere dell'uomo non poteva più fare altro. Sei stato favorito dalla visione di Gesù che scendeva dalla Sua Croce per guarire la tua afflizione. Chiedi a Dio e alla Madonna, la cura degli ammalati che ti affidiamo. (Mettiti in pausa e richiama silenziosamente i nomi degli ammalati per i quali stai pregando) Aiutati in questo modo dalla tua potente intercessione, canteremo a Dio, ora e per tutta l'eternità, un canto di gratitudine per la Sua grande bontà e misericordia. Amen.

Profiles in Catholicism relies on its readers for financial support. Please help us with

a $10.00 donation

© 2020 Profiles in Catholicism

site  design/development petitetaway